Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email

In barba al GDPR, Chatcontrol autorizza i provider a ispezionare ogni comunicazione. Motivazione ufficiale: la lotta alla pedofilia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-07-2021]

ue chatcontrol spia email

In nome della lotta alla pedofilia e alla pedopornografia online, il 6 luglio il Parlamento Europeo ha approvato un regolamento denominato Chatcontrol che agirà in deroga alla norma europea per i dati personali, il famoso GDPR: consentirà ai provider di posta elettronica e non solo di monitorare le comunicazioni dei cittadini europei.

Il Regolamento è stato approvato con 537 voti a favore, espressi da eurodeputati di tutte le famiglie politiche - dai socialisti ai democratici, passando per popolari, conservatori, e destra radicale - e il voto contrario di 137 membri del Parlamento, appartenenti soprattutto ai Verdi, ai vari partiti pirata e al gruppo della sinistra radicale.

Lo scopo è sicuramente nobile - la protezione dei minori dagli sfruttatori - ma il mezzo prescelto per raggiungerlo è di dubbia efficacia, di farraginosa applicazione ed estremamente prono a fornire una marea di falsi positivi, senza contare come faccia carta straccia di tutti i pronunciamenti sulla riservatezza dei dati usciti fino a oggi.

L'ormai famoso GDPR vieta le pratiche di sorveglianza, intercettazione e conservazione delle comunicazioni elettroniche delle persone; il Regolamento, agendo in deroga, consente invece tutto ciò, giustificandolo con la lotta alla pedofilia.

Chi ha scritto la norma, con tutta evidenza sa di aver agito in barba a tutti i principi espressi sinora: infatti l'efficacia di Chatcontrol ha una durata massima di tre anni, ossia il tempo entro il quale, prevedibilmente, saranno presentati, valutati e infine accolti i vari ricorsi che già si iniziano a ipotizzare contro di esso.

Occorre precisare che l'adesione al Regolamento da parte dei provider è per il momento volontaria, anche se alcuni si sono già espressi a favore. L'ambito d'applicazione non riguarda soltanto le comunicazioni via posta elettronica, ma tutti gli scambi: dalle chat ai post sui social network; sono escluse solo le comunicazioni audio.

La scansione delle comunicazioni avverrà automaticamente in cerca di contenuti illegali; qualora l'algoritmo rileverà del materiale corrispondente ai parametri, il provider dei servizi sarà allertato ed esso dovrà non solo verificare la veridicità della segnalazione, ma anche avvisare immediatamente le forze dell'ordine.

In altre parole, i dipendenti di ogni fornitore di servizi - sia esso Facebook, Google o un piccolo provider di posta elettronica - potranno, per esempio, visionare e conservare testi, foto e video anche intimi di milioni di persone, per poter stabile se il materiale sia lecito oppure no.

Poi avviseranno la polizia. Mentre tutto ciò starà accadendo, la persona diventata oggetto d'indagine non saprà nulla, in barba all'articolo 22 del GDPR che impone che i soggetti interessati siano informati, che siano loro fornite tutte le spiegazioni del caso e che abbiano la possibilità di contestare la decisione presa dall'algoritmo. Non solo: mentre l'articolo 71 del GDPR vieta che vengano prese decisioni automatizzate nei confronti di minori, il Regolamento non opera alcuna distinzione tra minorenni e adulti.

Oltre a questa palese violazione della privacy c'è la questione dell'inevitabile imprecisione degli algoritmi: come già capita con i filtri di Facebook, il sistema facilmente segnalerà contenuti che, se non del tutto innocenti, sono quantomeno legittimi; un messaggio che, letto nel suo contesto, non rappresenta un problema potrebbe essere segnalato alle forze dell'ordine perché sembra essere allusivo - e configurare il reato di adescamento - nei confronti di un minore.

I rilievi non si fermano qui: si riapre infatti tutta la questione dello scambio di materiale intimo tra minorenni. Se entrambi gli attori della comunicazione sono minori, può configurarsi un reato di pedofilia: è giusto che il sistema di sorveglianza provveda a rilevare e punire questi scambi assolutamente privati tra soggetti consenzienti? Di più: ha davvero senso costruire, come vuol fare la Commissione Europea, un database di materiale pedopornografico per facilitare la ricerca di quanto è in circolazione?

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Chatcontrol, a rimetterci saranno le vittime di abusi

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Germania, niente smartwatch microspia per i bambini
La NSA spia tutte le telefonate dall'aereo
Yahoo spiava le email degli utenti per ordine della NSA
Il Regno Unito sperimenta un sistema di sorveglianza spiando le mail dei giornalisti
USA, aerei usati dal governo per spiare i cellulari
Spiati dal cellulare anche quando è spento
Assange: Internet è il nemico che ci spia
La scuola che spia gli studenti a casa con la webcam
Videosorveglianza per spiare scollature e fondoschiena delle passanti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Salve, mi dispiace dissentire ma quando ero giovane, nei favolosi anni 60, qualcuno leggeva Orwell, 1984, e ci ripetevamo..Big Brother is watching you. Purtroppo avevamo ragione ma il sistema ci ha inglobati e nessuno ci ascoltava. Vero Cassandra? Leggi tutto
22-8-2021 19:41

Beh. sparando nel mucchio a mitraglia, prima o poi una l'azzecchi...
22-8-2021 14:37

{Claudio}
A me sembra che i così detti complottisti non avessero tutti i torti quando avevano previsto alcune delle cose che stanno effettivamente accadendo...
21-8-2021 08:11

La storia di chi controlla il controllore è lunga e melmosa e ogni soluzione presenta sempre criticità e/o debolezze. Forse però gli uomini di buonsenso sono rimasti pochi e quelli che il buonsenso lo esercitano sono ancora meno...
31-7-2021 15:46

CHI controlla il controllore? NOI NO. e se non possiamo controllarlo, certi poteri NON gli devono essere consentiti,punto. non mi piace affatto,come sta andando.... ed è ora che gli uomini di buon senso si facciano sentire: PRIMA che ci ritroviamo tutti quanti con un morso,il paraocchi e le briglie.
28-7-2021 14:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc è affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o più volte l'anno.
E' successo una volta e mai più.
Mai.

Mostra i risultati (2714 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics