Facebook, le regole non si applicano ai VIP

Le persone famose possono fare quello che vogliono sul social network, stando al riparo dalla moderazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2021]

facebook moderazione vip

Quando un utente di Facebook inserisce dei contenuti, la pubblicazione non è scontata: gli algoritmi di intelligenza artificiale, nella loro infinita saggezza, scandagliano incessantemente il social network e bloccano ciò ritengono sconveniente.

Ciascuno dei 2,8 miliardi di utenti attivi mensilmente è sottoposto a questo controllo, e così la vita sulla piattaforma in blu scorre pacifica sotto lo sguardo severo ma benevolo dei controllori automatizzati.

Una inchiesta del Wall Street Journal ora smonta però questo quadro rivelando ciò che senza fatica già si poteva sospettare: se tutti gli utenti sono uguali, ce ne sono alcuni che sono però più uguali di altri. E questi, naturalmente, sono i VIP.

Per le personalità che hanno un profilo su Facebook non valgono le regole che i comuni mortali devono rispettare. Per loro esiste il programma XCheck (che sta per cross check, ossia controllo incrociato), che in teoria consiste in un'ulteriore verifica dei contenuti pubblicati ma in realtà si rivela una licenza di inserire post senza controlli.

L'idea alla base di XCheck è che gli interventi dei VIP eventualmente segnalati dai sistemi automatici - che come sappiamo sono proni a parecchi errori - prima di essere bloccati immediatamente, come capita per gli utenti comuni, siano valutati da un moderatore vero, ossia un essere umano.

Questi dovrebbe quindi accertarsi che il post sotto esame non violi le regole di Facebook: se si rivela un falso positivo, lo può lasciar passare; se invece è davvero in violazione, lo deve cassare senza pietà.

La pratica, secondo il Wall Street Journal, ha però dimostrato che dal 2020 solo il 10% di tutti i post segnalati per la verifica è stato davvero controllato da un essere umano; gli altri sono andati direttamente online.

XCheck è quindi in realtà una corsia preferenziali che le persone "importanti" possono sfruttare - senza nemmeno saperlo, a quanto pare - per dire tutto ciò che vogliono, evitando le regole che chi non è degno di nota deve invece rispettare. Si calcola che gli esonerati dalla moderazione siano attualmente 5,8 milioni.

Un rapporto interno, sempre pubblicato dal Wall Street Journal, lo conferma: «Per certi membri selezionati della nostra comunità le nostre regole e i nostri standard non valgono. A differenza del resto della comunità, costoro possono violare gli standard senza subire alcuna conseguenza».

Facebook può quindi ammettere di aver trovato dei problemi con XCheck e di essere in difficoltà a risolverli, ma la realtà è quella ammessa dal rapporto, e d'altra parte il motivo si capisce facilmente.

Facebook è un'azienda che vive della vendita degli spazi pubblicitari, come il fondatore stesso Mark Zuckerberg ha ammesso davanti al Congresso degli Stati Uniti: censurare le persone più famose del pianeta non può essere una buona idea, se vista in quest'ottica, anche se dovessero scrivere enormi castronerie.

L'intera vicenda non è dunque una vera sorpresa, ma è almeno un'occasione per sbirciare dietro la tenda e dare un'occhiata a come davvero funziona Facebook al di là dei proclami.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook voleva uno spyware per spiare meglio gli utenti
Facebook censura un vecchio PowerMac G4 perché troppo sexy
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Facebook ammette: Ascoltavamo i messaggi vocali di Messenger
Facebook: nessuna privacy per gli utenti
Facebook, dipendenti pagati per analizzare i post degli utenti, anche quelli privati
Mark Zuckerberg: servono nuove leggi per regolamentare Internet
Facebook, Zuckerberg annuncia i messaggi che si autodistruggono
Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando
Quanti soldi ci vorrebbero per convincervi ad abbandonare Facebook per un anno?
Facebook pensava di finanziarsi vendendo i dati degli utenti
Scandalo Cambridge Analytica, Facebook si rifiuta di pagare la multa
I "senatori" di Facebook si preparano a pugnalare Mark Zuckerberg
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Facebook sperimenta i gruppi a pagamento
Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''
Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Facebook agli utenti: "Siete d'accordo con l'invio di foto osé di ragazzini?"

Commenti all'articolo (4)

Ben felice di non aver mai fatto parte e di continuare anche in futuro di non far parte di quei 2,8 miliardi di pecore.
18-9-2021 15:37

{attilio}
Beh, "pericolo buche" è un vizio italiano, dato che le autorità fanno quello che vogliono, visto che organi di sorveglianza e di coordinamento seri non ce ne sono. I cittadini sono sempre stati dei sudditi al di là delle parole dei politici. Sono tornato da poco a Roma e sono rimasto basito nel vedere il... Leggi tutto
16-9-2021 19:44

In realtà le "regole" non vengono mai applicate, basta vedere la quantità di meme, foto, filmati e post antivax che vengono lasciati passare tranquillamente, lavandosene le mani col messaggino automatico "Ottieni informazioni affidabili e aggiornate sul COVID-19". Che è come mettere il cartello "PERICOLO -... Leggi tutto
16-9-2021 02:28

{tempus}
Quella che è oggetto dell'articolo non è solo qualcosa che riguarda Facebook, ovviamente. I parlamentari possono insultarsi a vicenda senza conseguenze, ciò non vale per icomuni cittadini che vengono immediatamente denunciati. Pensare che il politico dovrebbe essere totalmente al servizio, e anche quello che... Leggi tutto
15-9-2021 18:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra il 1925 e il 1945
Baby boomers: i nati tra il 1945 e il 1965
Generazione X: i nati tra il 1965 e il 1980
Generazione Y (o Millennials): i nati tra il 1980 e il 1995
Generazione Z (o Post-Millennials): i nati dal 1995 al 2010
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dopo il 2010

Mostra i risultati (2890 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 settembre


web metrics