Hard disk a confronto con SSD nei data center

Il punto di crossover non è previsto prima del 2030, analizziamo il perché.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-03-2021]

hdd ssd

La quantità di dati generati dalla nostra società sta aumentando a un ritmo esponenziale, complice anche la repentina digitalizzazione dei paesi, accelerata dalla pandemia di Coronavirus. IDC prevede che entro il 2025 la quantità di dati generati supererà i 175 ZetaByte all'anno.

Alla luce di queste premesse è davvero importante che le aziende e i loro responsabili IT sappiano valutare e scegliere soluzioni e sistemi di archiviazione in grado di supportare un'importante mole di dati senza rischiare l'overload o comprometterne la loro disponibilità.

Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio boom delle unità a stato solido (SSD). I produttori ne hanno promosso la loro velocità operativa e la loro maggiore robustezza rispetto alle unità a disco rigido (HDD) e di conseguenza gli SSD hanno, pian piano, sostituito gli HDD in molte aree di applicazione, in particolare in ambito consumer. Ma quando si tratta di implementazioni nei data center, il quadro si capovolge e il ruolo degli hard disk resta ancora primario.

Se si confronta un SSD con 2500 GigaByte/s di larghezza di banda e 100kIOPS di prestazioni operative con il più veloce HDD (che sarà in grado di fornire 250MByte/s e 300IOPS), i vantaggi possono sembrare chiari, ma ai fini di una valutazione completa è importante considerare anche il loro scenario d'utilizzo. Ad esempio, nei data center, il confronto tra singole unità (come avverrebbe in un computer portatile), non è valido. Negli attuali sistemi di archiviazione possono esserci centinaia di queste unità coinvolte - che potenzialmente rappresentano PetaByte di capacità di storage.

Per i sistemi di archiviazione ad alta capacità su larga scala, il prezzo/GigaByte è il parametro chiave che deve essere considerato quando si fa un investimento - e in questo campo gli HDD continuano a dimostrare il loro primato.

Negli ultimi dieci anni c'è stata un'importante forbice tra il prezzo/GigaByte degli HDD aziendali e quello degli SSD aziendali e, anche se la riduzione del costo degli SSD ha permesso a queste unità di recuperare punti e popolarità rispetto agli HDD, c'è ancora una differenza di circa 8x (quando si confrontano le stesse applicazioni e la stessa classe). Si prevede infatti che, in futuro, le curve dei prezzi rimangano più o meno parallele - e che il punto di crossover non avvenga prima del 2030.

La ragione sta nel fatto che anche se i prezzi degli SSD stanno scendendo, l'innovazione nella tecnologia HDD e l'ottimo rapporto prezzo/GigaByte continuano a rivelarsi più vantaggiosi in termini di costi. E qualora si volesse ipotizzare che il prezzo/GigaByte degli HDD fosse improvvisamente alla pari con gli SSD, allo stato attuale delle cose, non ci sarebbe abbastanza capacità di produzione di memoria flash per sostituire tutte le risorse HDD con equivalenti a stato solido.

Affinché l'SSD sostituisca completamente l'HDD, la produzione di SSD dovrebbe aumentare di 6 volte. Solo il raddoppio di questa produzione costerebbe centinaia di miliardi di dollari, mentre un aumento di 6 volte richiederebbe migliaia di miliardi. Inoltre, tutto questo basterebbe solo a coprire la capacità di archiviazione del 2019 e non sarebbe sufficiente per soddisfare le migliaia di ExaByte che si prevede saranno necessari entro il 2023 e oltre.

Fare affidamento su un solo approccio, basato sulla memoria flash, non è funzionale. Con la crescente attività dei servizi cloud, accelerata dall'epidemia di Covid-19, la validità degli HDD in contesti come data center è stata ulteriormente dimostrata. Un recente report pubblicato da Statista lo conferma, sottolineando che le spedizioni di HDD aziendali ad alta capacità sono destinate a continuare a crescere nei prossimi anni.

Un singolo HDD è più lento di 10 volte rispetto ad un SSD, ma quando si parla di sistemi di archiviazione ultra-large tutto cambia. Attraverso l'implementazione di architetture intelligenti, più HDD possono essere utilizzati insieme per eguagliare le prestazioni di un sistema comparabile, in termini di prezzo, composto da pochi SSD.

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2852 voti)
Leggi i commenti (10)

"Nel laboratorio Toshiba abbiamo analizzato architetture con 24-60 HDD sia con configurazioni RAID10 e sia con software-defined: entrambe sono state in grado di fornire parametri di performance superiori a 10kIOPS e 5GigaBytes/s. Quindi, per i sistemi di archiviazione di maggiore capacità, una soluzione con molti HDD (ad un costo unitario molto più basso) risulterà la soluzione migliore dal punto di vista del costo per capacità rispetto ad una con un minor numero di SSD (che hanno ciascuno un costo unitario molto più alto)" ha dichiarato a Zeus News Rainer W. Käse (senior manager nella divisione Storage Products presso Toshiba Electronics Europe).

Seppur oggi la percezione più comune sia che le soluzioni di storage basate su HDD consumino più energia, nelle implementazioni con carichi di lavoro reali la quantità di energia richiesta dai dischi rotanti è spesso sovrastimato. Il consumo di energia è inferiore a quello atteso, specialmente se vengono utilizzate unità moderne ad alta capacità e helium-filled.

Per ciò che concerne l'affidabilità i moderni HDD aziendali, con MTFF (mean time to first failure) di 2,5 milioni di ore, sono direttamente paragonabili a qualsiasi SSD in relazione alla loro durata di vita. Inoltre, gli HDD non hanno limiti sulla quantità di dati scrivibili da gestire nel loro ciclo di vita, mentre gli SSD hanno una resistenza relativamente limitata. Con i carichi di lavoro in costante cambiamento, soprattutto nei data center, questo aspetto è molto vantaggioso.

In conclusione, sulla base dei prezzi attuali e delle proiezioni dei prezzi futuri, gli HDD restano ancora la soluzione più valida per archiviare dati su larga scala. Il prezzo/capacità degli SSD e la mancanza di un'adeguata produzione non permetteranno di soddisfare il boom di dati che si delinea all'orizzonte, favorendo invece l'utilizzo della tecnologia HDD.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quando il cloud diventa una nuvola. Di fumo
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Microsoft patcha il bug degli Ssd in Windows 10
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Windows 10, all'aggiornamento non piacciono le memorie Optane di Intel
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Firmware buggato, gli Ssd di Hp si fermano esattamente dopo 40.000 ore
L'SSD che schiatta dopo 32.768 ore
Il nuovo MacBook Air ha un SSD più lento di un terzo
Otto consigli sul backup per non perdere il lavoro di una vita
La falla negli SSD che vanifica completamente la crittografia
SSD, 60 terabyte per me posson bastare
Le calamite che cancellano il disco rigido: bufala
Il primo SSD da 2,5 pollici da 6 Tbyte
Eee PC, Asus ci riprova
Hard disk o SSD?
Il primo SSD da 2 Tbyte
Crucial rinnova memorie RAM e SSD
800 Mbyte/s con gli SSD
Cancellare i dati da una chiavetta USB? Impossibile
Velocità e robustezza con il SSD USB 3.0 di Kingston
LaCie Fastkey, la chiavetta USB 3.0 da 120 Gbyte
Si abbassano i prezzi degli Ssd
Un drive Ssd da 1 Tbyte
Un Ssd da 1 Terabyte
Io ce l'ho profumato... il notebook
Buffalo lancia il primo disco esterno Ssd
Mini-Ssd per i mini-notebook
Portatili con SSD? Più soggetti a guasti
Memorie Ssd in crescita nel 2008

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{Robi}
uso gli ssd sul computer da anni oramai e mai un problema. a livello aziendale invece ci sono diversi livelli: FULL FLASH: Database e produzione pregiata, VDI con deduplica in tempo reale. HDD meccanici via SAN (quindi con cache memoria + cache SSD) per gli altri scopi, con performance decenti.
2-4-2021 11:38

Io utilizzo un SSD per il SO già da diversi anni ed ora ne ho preso uno più capiente per SO e programmi e, in effetti, la rapidità di esecuzione sia del SO che degli applicativi ne ha giovato. I dati però li salvo ancora tutti su HDD ed ho un paio di NAS con HDD per i backup e per le archiviazioni di lungo periodo. Per uso personale e/o... Leggi tutto
7-3-2021 14:18

{aldolo}
bella idea. mo vado in solaio a prendere il 1640 per vedere se il 40M funziona ancora dopo 30 anni....
5-3-2021 07:56

{pilippo}
Ho sostenuto fin dagli amstrad 1640 che avere un computer con dei motori che girano all'interno è poco coerente; naturalmente a quel tempo erano solo considerazioni filosofiche... Nei computer a mio avviso, ci sono diverse incongruenze, una è la cpu che scalda (e quindi è intrinsecamente poco efficiente) e poi... Leggi tutto
4-3-2021 14:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai più spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed è legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3514 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 aprile


web metrics