Cassandra attraverso i secoli

Archivismi: Cassandra Crossing non si accontenta, vuole arrivare più lontano e vuole sopravvivere non per decenni ma per secoli o millenni. Ce la può fare?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-04-2024]

cassandra secoli 01

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Archivismi: la preservazione della cultura

Nelle precedenti pagine di Archivismi abbiamo descritto la prima campagna di archiviazione; quella della rubrica Cassandra Crossing su Internet Archive. È stato un lungo percorso, poiché siamo partiti dallo studio della struttura di Internet Archive, seguito la preparazione dei dati, realizzato qualche decina di righe di script per automatizzare il tutto, eseguito gli upload veri e propri, e infine la ripulitura dei dati e la correzione degli errori nei metadati.

Oggi invece introdurremo la terza campagna di archiviazione di Cassandra Crossing. «Ohibò»  —  dirà qualcuno dei più informati 24 lettori  — « la terza campagna? Ma dove ci hai raccontato la seconda?». Giustissimo, la seconda non l'ho raccontata perché è stata troppo facile e veloce. La seconda campagna consisteva nell'archiviazione dei 106 video di Quattro Chiacchiere con Cassandra su Internet Archive.

Cassandra ha deciso di non parlarne perché è appena finita e ha richiesto solo 20 minuti di preparazione del foglio elettronico di bulk upload e circa un'ora di caricamento.

È pur vero che avevamo maturato una preziosa esperienza precedente, che i metadati inseriti sono elementari e che i dati di partenza erano già ben strutturati, ma una cosa così semplice e veloce non poteva meritare una pur breve esternazione di Cassandra.

Per cui la butto li, andatevi a vedere il risultato, e passiamo davvero alla terza campagna di archiviazione, che ve lo anticipo, sarà ben più stuzzicante.

Dobbiamo però, come Cassandra vi ha ormai abituato, raccontare un po' di storia. Veramente assai più di un po', visto che non si tratta di partire dall'alba di Internet, nemmeno dall'alba dei computer, ma addirittura dall'alba della scrittura, il che vuol dire riavvolgere il nastro, così all'ingrosso, di 5 millenni abbondanti.

È da quella remota epoca che è giunto fino a noi il primo archivio di informazioni omogenee, scritto in caratteri cuneiformi su circa 4.000 tavolette di argilla. Se consideriamo la tavoletta di argilla come supporto informativo, potremmo dire che le tavolette di Uruk si sono rivelate molto durevoli, facendo impallidire tutti i moderni supporti informatici.

È pur vero che innumerevoli altre tavolette di argilla non hanno superato, come le loro più famose 4000 colleghe, il lungo viaggio fino a noi; ma comunque l'efficacia del supporto rimane notevole. I rotoli di pergamena si sono rivelati poco meno durevoli; i più antichi superano infatti di poco i duemila anni, e la durata "media" della pergamena, conservata in condizioni ideali, è stimata intorno ai mille anni.

Alcuni papiri sono giunti a noi dall'antico Egitto e quindi sono durati anche loro per millenni, ma in condizione estremamente particolari (tombe sigillate nel deserto). Nei climi europei e in condizioni di conservazione ideali hanno invece una durata stimata intorno ai 300 anni.

Vale la pena di notare che la scomparsa della pergamena come supporto per le informazioni è dovuto proprio all'avvento del papiro, più economico, più facile da scrivere, più leggibile ma meno durevole.

L'avvento della carta ha ulteriormente peggiorato le cose; se alcuni volumi del passato hanno superato molti secoli, tutta la produzione moderna di carta ha una durata limitata a pochi decenni, con casi estremi come certi tascabili degli anni '90 o la carta di giornale, che bastava lasciare al sole per vederla letteralmente sbriciolarsi. Colpa di additivi chimici e sbiancanti, usati per migliorarne l'aspetto, e di processi di lavaggio inefficienti.

Possiamo riassumere che c'è stato un progresso continuo tra un supporto e l'altro che ha prodotto costi minori, prestazioni migliori e durate peggiori. D'altra parte sostituire supporti inorganici e incombustibili con supporti organici e combustibili non poteva che peggiorare la durata delle informazioni ivi registrate.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Cassandra e i supporti informatici

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mac e dopo-Mac, 1984-2004

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Il tempo cancella tutto quello che viene consumato dal tempo. Puoi sempre trovare qualcosa che anche il tempo abbia difficoltà a cancellare. :P Come diceva un proverbio arabo; L'uomo teme il tempo, il Tempo teme le piramidi =) Io poi non sono convinto del formato in cui sono conservati dati poiché il film su pellicola, per la sua... Leggi tutto
14-5-2024 18:44

{Apon75}
Ahahahaha! Che divertimento. Prima congelavano i corpi, nella speranza che in futuro, si disponga di conoscenze e tecniche per "svegliare" il morto e sanarlo dalla malattia incurabile della sua epoca. Visto che la criostasi è una leggenda moderna a cui non crede quasi più nessuno (con i soldi), data... Leggi tutto
9-5-2024 15:24

Grazie 🙏🏻
23-4-2024 14:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2389 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics