Cassandra e i supporti informatici



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-04-2024]

cassandra secoli 02

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Archivismi: la preservazione della cultura

In campo informatico non c'è una esperienza storica così lunga. Inizia solo dagli anni '50 del secolo scorso, con le schede perforate (e per inciso ne ho un pacchetto in perfetto stato di conservazione in un cassetto, perforate per la tesi nel 1980).

I supporti informatici, magnetici od ottici, hanno avuto performance assai meno brillanti. A parte l'obsolescenza tecnologica intrinseca delle periferiche di lettura/scrittura che diventano introvabili o non funzionanti, che rende illeggibili anche supporti che sarebbero ben conservati, persino i nastri magnetici e i Cd-Rom, che vantavano durate di 30 anni, si sono in realtà rivelati molto più cagionevoli del previsto.

Una campagna di trasferimento dati eseguita di persona da Cd-R di meno di venti anni conservati in condizioni ideali ha portato a quasi il 10% di supporti con problemi più o meno gravi di lettura.

La triste verità è che lo sviluppo dell'informatica moderna ha sempre privilegiato la riduzione del costo unitario dei supporti, la densità delle informazioni ivi registrate, la velocità di accesso alle informazioni stesse, senza porre una equivalente cura alla durata dei supporti stessi.

Questo può essere sufficiente per spiegare come mai la durata dei supporti, a partire dai 20-30 anni degli anni '60, non sia migliorata ma anzi sia semmai peggiorata. Non stiamo infatti parlando di sistemi dotati di ridondanza e algoritmi di correzione; questi sistemi devono essere dinamici, consumano energia e sono soggetti comunque a problemi di sicurezza informatica e di scarsa resilienza alle catastrofi.

Quello che serve sono supporti che conservino in maniera affidabile le informazioni per la loro stabilità e durata intrinseche, e in maniera completamente passiva, senza consumare energia, né direttamente, come una stringa di dischi in RAID che deve essere alimentata e funzionante per essere stabile, né indirettamente, a causa di processi produttivi costosi o la necessità di impianti attivi di conservazione, come condizionamento/riscaldamento per la stabilizzazione della temperatura.

Servono anche supporti in cui la rappresentazione dei dati non sia così "lontana" dalla percezione degli utenti. La maggior parte delle unità di lettura/scrittura di dati digitali producono supporti sui quali i dati sono impercettibili con mezzi normali, e possono essere rivelati solo con un particolare tipo di unità hardware.

Ambedue queste caratteristiche sono presenti nella soluzione che attualmente garantisce i tempi di conservazione più lunghi tra i prodotti disponibili sul mercato. Curiosamente, ma forse non per caso, si tratta di una tecnologia abbastanza vecchia, a cui sono state apportati alcuni miglioramenti.

Parliamo delle pellicole fotografiche "normali", cioè all'alogenuro di argento, e in particolare di quella utilizzata dalla Piql, una azienda norvegese, insieme al macchinario per registrarvi informazioni digitali.

Il formato della pellicola, che è un prodotto commerciale, è il normale 35 millimetri; il supporto usato è un tipo di poliestere e la gelatina e l'emulsione hanno ovviamente caratteristiche particolari. La durata di questa pellicola, opportunamente impressionata e sviluppata, è stimato poter arrivare a 500 anni, conservata a temperatura ambiente e in condizioni ottimali.

La scrittura dei dati sulla pellicola, che alla fine è comunque una normale pellicola fotografica, può avvenire in vari modi, sia visuali che codificati. Dati analogici come immagini e microfilm possono essere inseriti normalmente. I dati digitali vengono invece codificati in fotogrammi simili a dei QR code che contengono ciascuno un blocco di dati.

Il fatto che la codifica sia "visiva" rende possibile eseguire la decodifica, noto il metodo di codifica, anche senza le apparecchiature originali, usando un oggetto che esegua scansioni ad alta risoluzione e un computer, dotato di un opportuno software, che riassembli le scansioni nei file digitali originali.

piql qr

Alla fine circa un chilometro di pellicola viene inserito in un contenitore appositamente progettato per una lunga conservazione. Il periodo di conservazione viene ulteriormente esteso diminuendo la temperatura di conservazione.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Cassandra e la miniera

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La chiavetta Usb che trasforma le Vhs in Dvd
La chiavetta da 8 Gbyte
Addio floppy, compagno di mille battaglie
Il distruggi Cd e Dvd
Dal vinile al bit, musica e libertà digitale
Ha 21 anni il PC attivo più vecchio d'Inghilterra
Il declino del CD

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Il tempo cancella tutto quello che viene consumato dal tempo. Puoi sempre trovare qualcosa che anche il tempo abbia difficoltà a cancellare. :P Come diceva un proverbio arabo; L'uomo teme il tempo, il Tempo teme le piramidi =) Io poi non sono convinto del formato in cui sono conservati dati poiché il film su pellicola, per la sua... Leggi tutto
14-5-2024 18:44

{Apon75}
Ahahahaha! Che divertimento. Prima congelavano i corpi, nella speranza che in futuro, si disponga di conoscenze e tecniche per "svegliare" il morto e sanarlo dalla malattia incurabile della sua epoca. Visto che la criostasi è una leggenda moderna a cui non crede quasi più nessuno (con i soldi), data... Leggi tutto
9-5-2024 15:24

Grazie 🙏🏻
23-4-2024 14:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (2038 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics