API, quando il gioco si fa duro

Archivismi - Oggi ci sposteremo su un differente piano di utilizzo di Internet Archive, quello della “programmazione” via API; ma prima dovremo obbligatoriamente parlare di doveri e responsabilità degli utenti di Internet Archive.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2024]

cassandra archivismi api

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Archivismi: la preservazione della cultura

Nelle pagine precedenti ci siamo occupati di un'archiviazione elementare su Internet Archive; archiviare un singolo file ci ha comunque aperto una parte significativa del sistema che abbiamo davanti, e delle potenti funzionalità che ci mette a disposizione.

Molto, molto altro rimane da mostrare, anche solo per le operazioni di archiviazione manuali. Prossimamente descriveremo e realizzeremo una vera campagna di archiviazioni, raccontando le minuzie e i problemi spiccioli che distinguono i casi reali dagli esempi che troviamo sui manuali.

Ma oggi tratteremo di un argomento già accennato di sfuggita in una puntata precedente, e che porta la potenza archivistica che Internet Archive mette a disposizione dei suoi utenti a un nuovo livello. Parliamo ovviamente della possibilità di "programmare" le operazioni su Internet Archive.

Non ci vuole un genio per immaginare che un servizio come Internet Archive esiste perché ha alle spalle un piccolo esercito di programmatori che scrivono, mantengono e fanno evolvere una base di software dedicato. Per inciso, per fomentare la mai estinta "Classifica dei migliori linguaggi di programmazione", anche in Internet Archive Python la fa da padrone!

Ma torniamo all'argomento di oggi. In breve: sì, è possibile usare Internet Archive usando script o veri programmi che automatizzano le operazioni di archiviazione che decidiamo di realizzare. E sì, questo viene realizzato «esponendo una API». Per il conforto dei non programmatori, significa semplicemente che è possibile automatizzare le operazioni da compiere utilizzando degli script o dei veri e propri programmi, che eseguono, ovviamente via Rete, precise chiamate a delle funzionalità elementari di Internet Archive, definite appunto in una API — Interfaccia per la Programmazione Applicativa.

Non ci sarebbe bisogno di dire altro, semplicemente di fornire nuovamente il link al Portale degli Sviluppatori di Internet Archive, e lasciare che chiunque abbia mai trafficato, anche solo realizzando uno script .bat per il DOS, scopra e utilizzi la potenza delle API di Internet Archive.

Un minimo di indicazioni e raccomandazioni preliminari sono comunque necessarie, prima di fare anche solo un piccolissimo esempio. In primis, Internet Archive non pone limiti predefiniti a quello che un utente può fare dei servizi che vengono forniti; per esempio non limita a priori la quantità di informazioni che possono essere archiviate.

Ma nessuna realtà esposta al pubblico può essere "indifesa", visto che una percentuale di imbecilli, profittatori e delinquenti esistenti al mondo è presente anche tra gli utenti di Internet Archive.

Come la storia della Rete ha più volte dimostrato, realtà collaborative di grandi dimensioni, per esempio Wikipedia, riescono a sopravvivere e svilupparsi solo se gestite come un ibrido tra democrazia imperfetta e tirannia illuminata. Internet Archive non fa eccezione.

È per questo che alcune risorse, come per esempio le Collezioni, vengono centellinate e fornite solo a richiesta. Una serie di amministratori di vario livello supervisiona e controlla infatti il funzionamento e l'utilizzo di Internet Archive e tiene in riga, bacchetta o espelle gli utenti disfunzionali.

Una tale presenza non deve essere vista come un problema o un limite, ma come una risorsa; infatti gli amministratori hanno il ruolo principale di aiutare tutti gli utenti a utilizzare Internet Archive.

Gli amministratori sono tuttavia una risorsa preziosa e scarsa; mandare una email agli amministratori, quando non direttamente previsto dalle procedure (per esempio per la creazione di una Collection) deve essere vista come ultima risorsa, da utilizzare solo dopo un'attenta lettura della documentazione e dell'help in linea, molte prove, una ricerca nel blog e, perché no, anche sui normali motori di ricerca. Mi raccomando!

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Usare le API di Archive.org

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google si dà alla programmazione e crea Go

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


si ma non l'ha data a lui, e per questo che ci rimasto male! :x D'altronde ignoranti di ritorno sembrano essere in aumento, e parlare a loro di internet archive, di cultura, anche solo di sapere qualcosa, temo sia tempo perso. :?
18-1-2024 16:20

Sar rimasto fermo a questa: [video]https://www.youtube.com/watch?v=dxer4GwV1sc[/video] :malol: Leggi tutto
1-12-2023 12:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dicono che il software la parte del computer contro la quale possibile solo imprecare, l'hardware quella che si pu anche prendere a calci. Quale hai preso a calci pi frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1622 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics