Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default

La caratteristica più controversa del nuovo sistema operativo dà la password di accesso a tutti i nostri contatti email, Skype e Facebook. Ecco come ''spegnerla''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-07-2015]

windows 10 wifi condivisione password

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
100 Trucchi per Windows 10, Windows 8 e Windows 7

28. Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi

Una delle più discusse novità di Windows 10 è quella che Microsoft ha chiamato Wi-Fi Sense, ossia la condivisione automatica delle password delle reti Wi-Fi con gli amici.

In realtà non si tratta di una novità assoluta: Wi-Fi Sense era già disponibile in Windows Phone 8.1, anche se al momento del suo debutto su questo sistema era passata sostanzialmente inosservata, forse anche perché la base di utenti di Windows Phone non è amplissima.

Con l'arrivo di Windows 10, invece, il numero di utenti interessati dalle conseguenze di Wi-Fi Sense è diventato enormemente maggiore di quanto fosse, e ciò spiega l'improvvisa grande attenzione per questa scelta di Microsoft.

Se Wi-Fi Sense è attiva, le password vengono messe a disposizione dei contatti di Facebook, Skype e Outlook: Windows non mostra loro direttamente la password, ma fa in modo che possano accedere automaticamente alla rete Wi-Fi cui la password corrisponde non appena entrano nel suo raggio.

Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5814 voti)
Leggi i commenti (17)

Perché ciò avvenga la password viene cifrata e conservata sui server di Microsoft; poi, quando uno degli amici arriva a portata di una delle reti Wi-Fi conosciute, la password viene trasmessa (sempre cifrata) al dispositivo e utilizzata per l'accesso.

Dal punto di vista di chi ha ideato questa funzione, probabilmente si tratta di una grande comodità: anziché ripetere ad alta voce la password della propria rete wireless casalinga per consentire a un amico in visita di connettersi c'è un sistema automatico che semplifica l'operazione. Inoltre in questo modo l'amico in realtà non viene mai a conoscenza della password.

Il guaio è che ciò avviene per tutte le reti Wi-Fi cui si ha accesso, e che lo si voglio o no: in Windows 10 Wi-Fi Sense è infatti attiva per default e per selezionare quali reti condividere e con quali contatti è necessario agire manualmente sulle impostazioni dopo l'installazione (se ci si ricorda di farlo).

Nonostante la cifratura, poi, i possibili problemi di sicurezza comunque esistono: per esempio, dato che molti tendono a riutilizzare sempre la medesima password, qualora qualcuno riuscisse a violare la crittografia usata da Windows 10 si troverebbe in mano la chiave di molte porte.

wifisense

C'è un altro scenario che gli esperti di sicurezza hanno ipotizzato: chiedendo a qualcuno una (apparentemente) innocua amicizia su Facebook si potrebbe entrare in possesso delle password delle sue reti Wi-Fi.

Si capisce quindi quanto sia utile sapere come disabilitare Wi-Fi Sense, o limitarne l'uso ad alcune reti Wi-Fi soltanto.

Per esempio, se si vuole evitare che una rete entri nella lista di quelle condivise si può aggiungere _optout in fondo al SSID della rete stessa: una rete casalinga che si chiami LaMiaRete verrà presa in considerazione da Wi-Fi Sense, ma una rete che si chiami LaMiaRete_optout verrà invece ignorata.

Si può poi disattivare completamente Wi-Fi Sense.

Per farlo è necessario accedere al menu Impostazioni -> Rete e Internet -> Wi-Fi -> Gestione Impostazioni Wi-Fi.

Nella finestra che si aprirà ci sarà una serie di opzioni: basterà disattivarle tutte (spostando il cursore a fianco di esse, oppure togliendo il segno di spunta) per rendere inoperativa Wi-Fi Sense.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Come aggiornare il PC a Windows 10 senza aspettare

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Debutta Windows 10, che fare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 116)

Brava Maary, è proprio questo il punto! M$ "fa funzionare l'utility come un virus", ed è questa la parte meno limpida di tutta la questione... :umpf:
7-6-2016 19:20

Questo lo fai tu, io, altri utenti avanzati o comunque curiosi, ma la maggior parte degli utenti ha bisogno di questi automatismi, ed è una vergogna che la stessa MS non metta a disposizione una scelta per l'utente, invece fa funzionare l'utility come un virus...premi la X, e parte l'installazione... :shock: Leggi tutto
7-6-2016 12:50

Più M$ insiste a forzare l'update a W10 e più la cosa mi insospettisce e mi frena dal farlo, quest'ultimo tentativo è a dir poco una vera propria t r u f f a...
5-6-2016 19:05

Saranno buoni tutti i metodi, io ne ho adottato uno minimale anche se un po' noioso. Cioè ad ogni proposta di upgrade, vedo a cercarmi il KB3035583, e se c'è tolgo la spunta e lo nascondo. Dopo di che ricomincio a giocare a rimpiattino con Mamma M$ :roll:
5-6-2016 07:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2029 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics