Lasciare Google, lasciare Apple

Cassandra Crossing/ Lasciare Google o Apple diventa più facile, non ci sono ormai motivi pratici o difficoltà tecniche da usare per autoassolversi; in più, ecco una piccola guida rapida su cosa fare e come farlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2023]

cassandra 574

I 24 indefettibili lettori, ma non solo loro, sono ormai edotti sul lungo viaggio che ha portato Cassandra ad abbandonare i sistemi operativi proprietari per smartphone, riducendo moltissimo i danni alla propria privacy subiti, a malincuore, per poterne usare uno. Sono passati ormai tre anni, e le uniche difficoltà incontrate sono state dover fare i conti con le applicazioni sostitutive di Search, Maps e cose così.

La stabilità dell'ambiente /e/ (ora ribattezzato "Murena" quasi dappertutto) è impressionante: aggiornamenti mensili per bug vari, aggiornamenti per il cambio di versione Android (da 10 ad 11 e da 11 a 12) fatti automaticamente e senza nessun problema; e ancora, affidabilità uguale o superiore ai telefoni googlizzati di Samsung e di Huawei, precedentemente posseduti da Cassandra.

Chi legge queste pagine non ha certo bisogno di ripetizioni sul perché utilizzare gli smartphone con sistemi operativi commerciali sia una pratica insana, al limite dell'autolesionismo. Dal canto suo Cassandra, per una volta, non è disposta ad ascoltare i lamenti e le geremiadi di chi ha paura di fare un passo del genere, di chi non vuole sbattersi nemmeno un minimo, di chi non è disposto a rinunciare a oggetti "firmati", di chi "tanto non ho niente da nascondere".

Queste persone, che meritano comunque attenzione, sono rimandate a un'attenta lettura dei precedenti articoli di Cassandra. Vi troverete sia l'opinione di Cassandra sul perché dovreste farlo, che un aiuto su come farlo. Ma cerchiamo di riassumere tutto qui, facendo anche un po' di storia per capire meglio la situazione.

La soluzione di installare Linux su uno smartphone, almeno per ora, purtroppo non funziona. Non che sia impossibile, anzi ci sono molte distribuzioni e anche telefoni preinstallati con GNU/Linux, i Pinephone, ma la mancanza di usabilità li rende inutilizzabili, se non come curiosità tecnologica. Questo fatto increscioso dipende in massima parte dalla segretezza delle specifiche dei componenti hardware e della "banda base", il "pezzo di software" che sta fra l'hardware del telefono ed il kernel.

Dopo questo excursus tecnologico torniamo a noi. Il grosso problema degli smartphone odierni è la quantità di dati che, direttamente o attraverso le app, spediscono al produttore del sistema operativo e, in misura minore, al produttore del telefono e a quelli delle app. Tutte le varie marche di cellulari, pur con le loro grandi differenze, si comportano sostanzialmente nello stesso modo.

La soluzione a questi problemi, paradossalmente, è offerta dal più grande produttore di sistemi operativi commerciali per smartphone, cioè Google. Infatti Android, attualmente il più diffuso sistema operativo per cellulari, prodotto da Google, è basato su Linux, ed è messo gratuitamente a disposizione come open source a chiunque voglia utilizzarlo per produrre uno smartphone o un altro prodotto che lo voglia impiegare (smart TV, oggetti IoT, eccetera).

Infatti Android "puro" è solo un'altra versione di Linux, e non contiene nulla che intercetti o sfrutti dati personali. È Google che, stringendo accordi con i singoli produttori, sui loro smartphone aggiunge ad Android componenti software (principalmente i Google Play Services) ma anche app e widget, destinati a intercettare e utilizzare dati, anche personali. Utilizzare Android "puro" per costruire una versione che faccia funzionare le normali app in maniera da non intercettare dati è la soluzione.

La prima componente necessaria è LineageOS, che è appunto una tale versione di Android "puro". La seconda componente necessaria è microG, una versione fittizia dei Google Play Services che "inganna" le app, facendogli credere di star funzionando su un normale smartphone googlizzato, ma che non trasmette dati a Google. La terza componente è Aurora Store, un repository che preleva le app dal repository ufficiale Google Play e li ridistribuisce, sempre senza trasmettere dati personali a Google. È ovviamente possibile usare altri repository liberi come F-Droid senza nessun problema, oppure fare sideloading, cioè installare app in formato .apk.

Queste tre componenti, Android, microG e Aurora Store, sono riunite da e-foundation in una distribuzione rispettosa della privacy chiamata /e/, che può essere liberamente scaricata e installata su una vasta gamma di smartphone standard. /e/ comprende anche una selezione di app libere e open source già installate, in modo da essere per quanto più possibile simili a quelle presenti di base su un normale smartphone Android, ma che non utilizzano le risorse di Google, in modo da evitare tracciamenti. Per esempio Google Maps è rimpiazzato da Magic Earth, e le sue mappe da quelle di Open Street Map.

/e/ è liberamente disponibile, ma la fondazione e-foundation vende anche cellulari con /e/ preinstallato, sia usati e ricondizionati che nuovi. Tra i cellulari venduti ci sono anche i Fairphone, che aggiungono la riparabilità alle altre "doti" di uno smartphone "degooglizzato". e-foundation mette anche a disposizione servizi cloud come email e spazio disco, gratuiti a livello base; per maggiori particolari potete visitare il sito di e-foundation.

Per sapere lo stato e le future evoluzioni di /e/ potete leggere questo enciclopedico post di Gaël Duval, principal developer di /e/. La vostra personale ricetta per un rapporto più sano con il vostro smartphone è pronta. Se il vostro smartphone è tra quelli supportati, potete quindi caricare la ROM di /e/ sul vostro smartphone, da soli o tramite una amico competente. Oppure potete comprare uno smartphone con /e/ già installata, usato o nuovo, od anche un Fairphone, direttamente sullo shop di e-foundation (ora rinominato "Murena").

Infine potete scegliere di continuare nella vostra attività di fornitore 24/7 dei vostri dati personali ai GAFAM. Ma nemmeno la pigrizia sarà più tra le scuse utilizzabili per giustificarlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La disintossicazione dallo streaming
Lo smartphone è davvero spento oppure è un nemico in tasca?
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
Da DuckDuckGo un browser dedicato a proteggere la privacy
Servizi telefonici non richiesti: un decreto legge inutile
Come uscire dai social network e salvare i propri dati
Tecnocontrollo e diritti civili
False dicotomie, reloaded
Amazon vuol mettere un keylogger sui Pc dei dipendenti
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Rinunciare allo smartphone
Lo smartphone consiglia il dentifricio della mamma
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
Il Wi-Fi che ti spia
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
La privacy è morta?
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Google Street View, adesso tutti possono contribuire
Il sogno del software libero, open source ed eterno

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

In effetti mi sembra la soluzione più rapida ed efficace anche se il prezzo è un pochino oltre il limite di quanto sono disposto a spendere per uno smartphone ma ci sto facendo un pensiero per quando quello attuale avrà reso l'anima. Leggi tutto
30-6-2023 19:15

Molte di quelle app particolari come lo SPID, quelle delle banche ( non obbligatorie, puoi accedere dal computer fisso con la OTP, se il cassiere ti dice il contrario mente!) :evil: oppure quelle create dal governo come quella orribile per il COVID, sono create in maniera raffazzonata, superficiale, senza nessuna ingegneria del... Leggi tutto
23-6-2023 21:48

Molto interessante, grazie dell'articolo. Non sono molto "scafato" con Android e cellulari, ma darò un occhiata ai link suggeriti, perché l'idea non mi dispiace affatto. L'unico dubbio che ho e di cui non si parla nell'articolo è sapere se funzionano correttamente tutte le varie APP che ormai siamo costretti a dover usare per... Leggi tutto
22-6-2023 08:46

{Alex}
Nel 2015 ho acquistato uno smartphone BQ E5 con preinstallato Ubuntu phone, che ho usato sino al 2020, anno in cui è finito il supporto al 3g del mio operatore, il massimo supportato dal dispositivo. Poi ho acquistato un sony xperia x, sul quale ho installato UBports, subentrato al progetto Ubuntu phone. Ho dovuto rinunciare a... Leggi tutto
21-6-2023 22:44

{fairu}
Grazie per queste informazioni. Finché ci sarà qualcuno in grado di capire il valore della propria identità pur all'interno di una massa, ci sono speranze che gli ammalati di potere e i loro servi non prevalgano completamente e trsformino la società in un alveare ben organizzato e diretto.
21-6-2023 09:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1205 voti)
Giugno 2024
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 giugno


web metrics