Batterie per smartphone che durano una settimana con i chip di IBM e Samsung

Il segreto sta nella disposizione dei transistor.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-12-2021]

ibm samsung vtfet

Il segreto per avere smartphone con un'autonomia di almeno una settimana anziché di pochi giorni non sta (soltanto) nei miglioramenti che si possono apportare alle batterie: secondo IBM e Samsung, sta piuttosto in una nuova disposizione dei transistor sui chip.

Insieme, i due giganti hanno sviluppato una tecnologia che nelle loro intenzioni è destinata a soppiantare l'attuale FinFET: si chiama VTFET (Vertical Transport Field Effect Transistor) e la differenza principale con FinFET sta nel fatto che i transistori sono disposti verticalmente.

Questo cambiamento, come spiega il video illustrativo (in inglese) che riportiamo alla fine dell'articolo, consente, a parità di superificie, di disporre un maggior numero di transistor; ciò a sua volta consente di ottenere prestazioni migliori, e una minor perdita di energia.

L'efficienza energetica dei chip realizzati in questo modo è dunque superiore a quella dei chip realizzati con le tecniche disponibili sinora: di qui discende la possibilità, per uno smartphone che adoperi chip VTFET, di avere un'autonomia molto superiore a quella di uno smartphone che adoperi chip FinFET, pur adoperando la stessa batteria.

IBM e Samsung parlano esplicitamente di «batterie per cellulari che possono durare oltre una settimana, anziché giorni, senza aver bisogno di essere ricaricate» e di «raddoppio delle prestazioni» o di «riduzione del consumo di energia dell'85%» se si sceglie di mantenere le prestazioni inalterate.

I campi d'applicazione sono ovviamente anche più ampi: tra i dispositivi che beneficerebbero di questa innovazione ci sono quelli dell'Internet delle Cose, le sonde spaziali e i veicoli autonomi, ma anche i chip dedicati al mining e alla crittografia, operazioni che si potrebbero dunque condurre con un minore consumo di energia.

Questa tecnologia, che secondo le aziende che l'hanno ideata manterrà in vita la legge di Moore ancora a lungo, ha già consentito di produrre i primi chip di test, anche se ci vorrà ancora del tempo prima di vederla approdare sul mercato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
La batteria biodegradabile si scioglie in acqua in 3 settimane
Android, come scoprire le app ficcanaso o prosciugabatteria
Le batterie zuccherine che si ricaricano come le cartucce
La batteria del cellulare che dura settimane
Dieci ore di carica per il notebook a batteria solare
Toyota studia le batterie a ioni di magnesio
La batteria che dura tre mesi
Il telefonino dalla batteria infinita
La batteria più piccola del mondo
Il virus che moltiplica la durata delle batterie
Le batterie al litio-zolfo durano di più
La batteria che si ricarica in 20 secondi
Dell userà Linux per velocizzare il boot e conservare la batteria

Commenti all'articolo (4)

Devono vendere un prodotto, esagerano.
5-1-2022 18:48

inoltre mi chiedo come sar possibile passare a una settimana quando alla fine la cosa che consuma davvero di pi il display
21-12-2021 07:29

{al}
il titolo sembra parlare di batterie ma i protagonisti sono i chip
19-12-2021 07:25

{volpedo}
Curiose davvero queste notizie: sono anni che si sa (e si usa) che i transistor così disposti aumentano l'efficienza d'insieme della circuiteria. In realtà c'è poco di curioso: dapprima si realizzano le cose meno efficienti, e poi quando il mercato è pronto si introducono i magici miglioramenti,... Leggi tutto
18-12-2021 16:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
S, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
S, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente attento: non c' motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. S, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2472 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 ottobre


web metrics